Siamo arrivati ad un momento importantissimo nella cura della nostra pelle: la fine dell'estate.

La pelle ha preso tanti raggi solari (quanti di voi hanno utilizzato correttamente la protezione solare?), e sicuramente avrete notato macchiette mai viste prima, o comunque una qualità della pelle calata per via del clima caldo umido/afoso.

Ripulire la cute, resettare i segni del fotoinvecchiamento, migliorare la texture della pelle e prevenire la diffusione di macchiette, è l'obiettivo di questo nuovo articolo che riguarda il fantastico mondo dei

PEELING !

 

Cosa sono i Peeling?

Il peeling chimico (to Peel, dall'inglese, significa sbucciare), è una procedura che prevede l'applicazione sulla cute di una sostanza ad azione esfoliante per indurre una rimozione ed una conseguente rigenerazione dello strato cutaneo superficiale, medio e/o profondo. Da molti anni impiegata per scopi estetico-dermatologici, ormai rappresenta una delle più diffuse e meglio conosciute pratiche terapeutiche proprie della medicina estetica. 

In senso lato, i peeling si avvalgono di svariate sostanze e, soprattutto negli ultimi anni di miscele di esse, che conferiscono al preparato finale più proprietà, non solo quella esfoliante e levigante la superficie cutanea. Tra i principali agenti utilizzati abbiamo gli alfa e i beta idrossiacidi (esempi sono l'acido mandelico, glicolico, salicilico, lattico,ecc..), l'acido piruvico, l'acido tricloroacetico, i fenoli e i derivati della vitamina A.

 

Come funziona una sostanza peeling? 

Il peeling chimico (di cui avevo già parlato QUI) nasce come procedimento di scollamento più o meno profondo degli strati cutanei allo scopo di rinnovare l'aspetto della pelle rimuovendo meccanicamente gli accumuli di macchie melaniche, riducendo la seborrea, allontanando detriti cellulari frammisti a sebo o accumuli cornei, riportando così la cute ad un aspetto più sano, pulito, brillante e liscio. Alla luce delle numerose innovazioni nella formulazione di tali preparati, negli ultimi anni questa procedura ha assunto una valenza terapeutica più articolata in quanto è possibile non solo rinnovare la parte più superficiale della pelle, ma è possibile anche penetrare negli strati più profondi della cute e, qui, interagire con le componenti cellulari del tessuto dermico inducendone una precisa risposta biologica. La procedura comprende una fase di pretrattamento della cute, e poi lo sgrassamento cutaneo e l'applicazione della sostanza peeling. Il pretrattamento ha lo scopo di assottigliare lo strato corneo, preparare alla stimolazione cheratinociti e fibroblasti ed inibire l'attività dei melanociti; lo sgrassamento della cute determina la rimozione della barriera lipidica e dei detriti cellulari; l'applicazione dell'agente peeling è il vero responsabile dell'effetto biologico che vogliamo ottenere con stimolazione dei compartimenti cellulari rappresentati appunto da cheratinociti e fibroblasti; infine, andremo incontro ad una rigenerazione tissutale ottimale che porta ai miglioramenti della texture cutanea attesi.

 

Quali sono le indicazioni all'esecuzione di un peeling

Il peeling chimico è una procedura medica che offre innumerevoli vantaggi in entrambi i sessi: favorisce il rimodernamento tissutale, permette il miglioramento o la guarigione di alcune patologie cutanee (rendendole, tra l'altro, più responsive alla terapia domiciliare): acne, esisti cicatriziali, cute seborroica, melasma, cloasma, macchie cutanee in genere, discromie post-infiammatorie, rosacea, rughe sottili, foto e crono invecchiamento, cheratiti attiniche, ipercheratosi circoscritte, lentigo solari, elastosi. In più, il peeling rappresenta un efficace prevenzione dei possibili danni notti dalla fotoesposizione, con riferimento soprattutto alle lesioni discheratosiche ad alto potenziale oncologico. Ha, in conclusione, finalità estetiche preventive e curative, che migliorano la qualità estetica della pelle, ma sono anche ottimi alleati per la risoluzione di fastidiose patologie cutanee, dove per ogni problematica ci sono sostanze ad hoc da utilizzare, ecco  l'importanza, come ribadisco in ogni mio articolo, di eseguire il trattamento peeling presso un centro medico!

 

Effetti collaterali, complicanze e controindicazioni

Bisogna conoscere le svariate sostanze peeling attualmente esistenti sul mercato, e saperle scegliere in base alla loro azione: ogni sostanza ha un suo scopo, non tutti i peeling sono uguali e non sempre lo stesso peeling va bene per tutte le pelli. Il medico che eseguirà la procedura deve sapere la profondità della sostanza da utilizzare, deve sapere quante sedute sono necessarie, quanti strati di agente bisogna passare sulle pelle ed è altrettanto fondamentale sapere quanto tempo la sostanza deve rimanere alla pelle del paziente. Per quanto riguarda le complicanze, la frase che più spesso utilizzo è: Più il peeling è profondo, Più si ottengono i risultati desiderati, Più si possono instaurare effetti collaterali indesiderati. Ribadendo che è il medico in persona a dover eseguire il trattamento, gli effetti collaterali possono comprendere eritemi, discromie, alterazioni transitorie della texture, sensazione di bruciore, infezioni, reazioni allergiche, ecc. Ovviamente affidandosi ad un medico esperto, il rischio di complicanze preoccupanti è veramente basso. Per il rischio di dare esiti discromici, la maggior parte dei peeling NON vanno MAI eseguiti durante l'estate!

Tra le controindicazioni: Herpes labiale in fase attiva, malattie autoimmuni, pregressi trattamento radioterapici del volto, infezione da HIV, cicatrici ipertrofiche, pazienti con fototipo alto, e chirugia del volto di recente esecuzione. 

 

Come avviene la seduta? Quanto dura? Quante sedute sono necessarie? 

Generalmente, e sempre a seconda della sostanza utilizzata, si eseguono 3 sedute di peeling a distanza mono o bi-settimanale. Questo garantirà un risultato nettamente superiore alla singola seduta, che comunque da i suoi risultati di miglioramento. La seduta dura circa 20 minuti ed il ritorno al sociale è immediato per la maggior parte dei peeling. Detto questo, parlare di protocolli precisi è difficile; il mondo dei peeling è affascinante e di gran aiuto in medicina estetica per risolvere determinate patologie cutanee, quindi ogni caso è a sé ed è fondamentale la prima visita per poter definire il protocollo, che come avrete capito è estremamente personalizzato e individualizzato per le esigenze del singolo paziente. Dopo l'esecuzione del peeling è di fondamentale importanza evitare sole, lampade abbronzanti e tutto ciò che possa sollecitare negativamente lo strato cutaneo esterno della pelle, per almeno 7-10 giorni!

 

I peeling, nella mia esperienza personale, sono spesso il primo trattamento che suggerisco, perché se eseguiti in maniera coscienziosa e precisa danno un netto miglioramento delle qualità della pelle che risulta splendere come mai prima abbiate potuto vedere!  

Vi invito a venire a fare due chiacchiere e a provare questo trattamento di cui rimarrete entusiasti :)

Per prenotare una visita potete contattarmi tramite il form in fondo alla pagina, oppure inviando una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , oppure scrivendomi un WhatsApp al numero 346 849 0404.

 

A presto!!!

 

 

Pin It

                                                                                                                                                    

Compila questo modulo per contattarmi o per prendere un appuntamento.

Cliccando il tasto Invia! autorizzi al trattamento dei dati personali in base all'art. 13 del D.Lgs. 196/2003.

Sede Rimini: Rimedical

Telefono: 0541 6207 57
Email: info@rimedical.it
Sito web: www.rimedical.it

Via Europa, 8,
Santarcangelo di Romagna, RN 47822

Sede Cesena: Columbus

Telefono: 0547 6464 23
Email: info@columbuscesena.com
Sito web: www.columbuscesena.com

Via Guglielmo Marconi, 275,
Cesena, FC 47521

Contatti

Telefono: 346 849 0404
Email: info@lorenzocerreoni.it
Sito web: www.lorenzocerreoni.it

Partita IVA:
04082730401